Dall'Opera Pittorica alla Pièce Teatrale

Homo Viator - Il Poeta Visionario

Homo Viator è l’ennesimo progetto artistico del maestro Ciro Palumbo, che in questa occasione supera se stesso e aggiunge la “voce” del Teatro alla sua opera pittorica.

L’uomo interpretato da Pier Giuseppe Francione e la Barca con gli occhi, con la voce di Renato carpentieri, dialogano in un viaggio immaginario che porta l’uomo naufrago a lottare sempre con la realtà, vittima del suo stesso ego.

La Barca, consigliera positiva e occhio esperto della vita, esorta il viaggiatore a continuare il proprio viaggio partendo da quello interiore per aver piena coscienza e conoscenza di se stesso. Un’idea culturale che ha dato luogo ad un filone pittorico e ad una rappresentazione teatrale, liberamente ispirata da alcuni scritti di William Shakespeare, Eschilo, Charles Bukowski, Domenico Modugno e altri.

Barca: “Io ti ho raccolto nelle acque prima che uscissi alla luce e ti ho scelto per questo viaggio! Quindi, rimettiti le vesti e prosegui il cammino!”
Uomo: “E basta! Basta con questa ossessione. Farò di te un gran falò che rischiarirà le nubi e risarcirà il cielo!“

Questo “viaggio” è partito da Milano con la presentazioni presso il Mondadori Mega Store in Marghera, è approdato allo Stadio di Domiziano in Piazza Navona a Roma e ha proseguito il viaggio fino a Taormina nella ex chiesa del carmine.
Ancora altre tappe arricchiranno questo viaggio.